martedì 20 luglio 2010

Porto e dintorni





Diamo inizio ad una rassegna di "pillole" informative sugli accadimenti locali: non riteniamo sia il caso di appesantire con post lunghi e complessi la lettura estiva di questo blog.
Argomenti importanti, notizie che la cittadinanza ignora o vuole ignorare, affrontate con schiettezza, in maniera diretta e risoluta. Ma vogliamo comunque tenere i nostri lettori informati, attivi e attenti alla vita pubblica della nostra cittadina. Cominciamo.....


Nel frattempo che i lavori vanno avanti (ed era FINITO……) si apre la COOP: piccola e con prezzi più alti del supermercato principale……ma andate a chiedere ad una settimana dalla sua apertura come stanno andando gli affari per i piccoli commercianti in diretta concorrenza. A detta del sindaco questa è una ulteriore occasione occupazionale per i sanvincenzini: 3 nuovi posti di lavoro vengono, ma due negozi potrebbero chiudere e 4 persone col posto di lavoro, diretto o indiretto, andrebbero, e avremmo così un bilancio negativo.
Intanto vediamo il sorgere di strani cartelli, dal dubbio significato. Chiediamo anche il vostro aiuto per l’interpretazione. Grazie.





Nel frattempo una cittadina cade in piazza del “Kimera”. Perché cade? Improvvisamente si azionano gli irrigatori, spruzzando, invece che nelle aiuole, sul marciapiede prospiciente. La signora per non fare il bagno cerca di spostarsi repentinamente, ma inciampa in un’area di betonelle sconnesse (alcune mancanti) e cadendo si rompe il polso. L’indomani la signora si reca in Comune per denunciare l’accaduto e le risposte sono del tipo: quella è area di cantiere (e come mai è allora aperta al pubblico? ) e poi non siamo noi i responsabili, essi sono individuabili nel privato costruttore ovvero la Sales.
Non c’è mai nessun responsabile in questo Comune, non se individua uno che è uno!
Non si fanno passare i disabili all’ingresso della ZTL, ma né il Comune né i vigili si ritengono responsabili per questo. Lo scaricabarile è lo sport preferito. La gente si chiede ancora, ad esempio. come mai il Verdi sia costato di più nonostante i tempi per la consegna siano stati il doppio. Responsabili zero. Soldi pubblici spesi in più: 100.000€.

ULTIM'ORA: Passando verso le 13 dalla Piazza accanto alla Torre, non abbiamo più notato i cartelli sopra fotografati. Questo li rende ancora di più un inquietante mistero... Qual'era il loro significato? Perché adesso sono stati tolti? Non c'è più il divieto? La piazza adesso regge? Ricompariranno? Erano forse un messaggio in codice o un messaggio alieno? Aiutateci a capire di più, chiedete, domandate e riportate.


AGG. Ore 19:45 20-07-10: sollecitati dal commento dell'utente BUDDA, ci siamo recati a vedere il cartello da lui segnalato. Lo abbiamo fotografato e ve lo riportiamo sotto. Non ci sembra che rechi lo stesso tipo di messaggio da lui segnalato, e non sappiamo al momento il perchè dello sverso dei nuovi massi lungo la diga. Però vogliamo dire una cosa. Se possiamo capire il declino di responsabilità in caso passeggiate lungo la diga durante le mareggiate, non possiamo accettare un ulteriore scaricabarile per tutto il resto. Il cartello è redatto con due distinti discorsi. Il secondo declina ogni responsabilità per sosta di persone , animali o cose. Cominciate a renderla accessibile secondo ogni più elementare norma di sicurezza, poi possiamo parlare d'altro. Già dalla foto si evince in che condizioni versa ancora il primo tratto....e tralasciamo il resto.




LA REDAZIONE


19 commenti:

Budda ha detto...

Volevo commentare proprio riguardo al porto.
In questi ultimissimi giorni via-vai di camion che scaricano massi lungo la diga foranea (soprattutto all'inizio di essa), con ruspe al seguito.
Ora un cartello fa bella vista di se proprio all'inizio: DIGA FORANEA CHIUSA PER EVENTI METEO-MARITTIMI.
Siccome il meteo non è che metta proprio questo tornado.....e che tutt'al più tra venerdì e sabato prossimi potrebbe aversi mare mosso....non capisco perchè chiuderla così in anticipo.
Sarebbe quasi da dare credito alle voci che dicono che proprio lì all'inizio la diga foranea era già un po' franata.....

We Are Ready! (siamo pronti!)

Anonimo ha detto...

Magari è un fenomeno legato al caldo ma l'erba di Piazza del Kimera inizia a ingiallire e non si può far a meno di pensare che questa spiazzo pieno di niente è veramente desolante.

Gio

Piazza del Kimera ha detto...

fate caso ai cordoli delle aiuole in piazza del Kimera sono sono già in "frantumi"

Piazza del Kimera ha detto...

riguardo al primo cartello misteriosamente scomparso ma da voi documentato la cosa assurda è l'indicazione della portata 200 kg per una piazza pubblica......

LEMUELE GULLIVER ha detto...

Hannah Arendt scriveva nel 1969 che la burocrazia è una forma di dominio peggiore della dittatura: nella dittatura, infatti, esiste un colpevole, o quantomeno una mente che comanda i sudditi, ma che è identificabile; nella burocrazia, forma di potere anonimo ed indiretto - e per questo più efficace -, non esiste nessun colpevole nel senso che lo sono tutti e quindi nessuno.
La responsabilità è ancora in cerca d'autore.

LEMUELE GULLIVER

Anonimo ha detto...

sono purtroppo le solite storie italiani,la responsabilità di quello che succede a terzi non è mai di nessuno;il famoso scaricabarile,dove i politici italiani sono campioni olimpici!
comunque alla signora è andata bene che si è rotta solo un polso,con quella piazza in pendenza devo dire che è stata molto fotunata!
per quanto riguarda la coop sul porto sono venuto a conoscenza che alcuni negozianti di generei alimentari del paese sono un pò in crisi!
Mi è stato riferito di una flessione delle loro entrate del 20/39% in meno(dal 15 luglio giorno dell'apertura delle danze della coop)
si parla tanto bene in comune di aiutare i commercianti del centro specialmente in questo periodo di crisi,ma se si fa così si aiutano............a morire!
forse che avevamo ragione quando a suo tempo mettevamo in guardia tutti?
sinceramente sono preoccupato!
preoccupato anche dai cartelli apparsi(ma che ora sono magicamente spariti)sulla piazza nord,e se qualcuno avesse fatto degli errori di calcolo per quanto riguarda la forza statica(quella che fa stare in piedi gli edifici per intendersi!)della piazza?cosa succederebbe,tabula rasa e si riparte da zero?
diciamolo francamente e sinceramente,opera fuori portata per san vincenzo,faraonica direi........il volano dell'economia,si ma per i soliti!
posso solo dire che ora è il momento di stare vicini ai commercianti,iniziare a gettare le basi e lavorare per quando saremo chiamati a votare!
la politica del cemento è FALLITA,serve aprire una nuova stagione,e dobbiamo essere NOI ad aprirla!



CHE

paesano ha detto...

http://dieta.pourfemme.it/wp-galleryo/uomo-grasso/uomo-grasso.jpg
Questo signore molto "importante" era stato visto all'uscita nord della superstrada,da qui la rapida posa del cartello.
L'allarme è rientrato dal momento che non è riuscito a superare il sottopasso.

A parte gli scherzi ciò che ipotizza "CHE" è inquitante e in questa nostra Italia come non porre l'attenzione anche a cose di questo genere.
Che l'opera sia faraonica e fuori portata per San Vincenzo è al di là di ogni ragionevole dubbio.

I sanvincenzini verificheranno nel tempo l'inutilità pubblica di tutto questo e forse,e lo dico senza alcuna soddisfazione, rimpiangeranno l'alga sotto la torre.

Anonimo ha detto...

Sarebbe bello ma il livello di indignazione non corrisponde a quello dell'indifferenza, è questa la cosa grave...

Gio

Anonimo ha detto...

Altre cose su cui riflettere:

Parcheggi a pagamento zona posta, durata 1 giorno!!!!scelta azzardata?Sicuramente si!un ripensamento giusto ma con sperpero di denaro pubblico.
Mancanza di segnaletica stradale(linea di mezzeria continua) da largo berlese fino all'inizio della pista ciclabile,Dimenticanza? Finita la vernice? finiti soldi?sicuramente pericoloso!!
Mese di giugno 3300 verbali fatti dai vigili urbani(6500 dall'inizio dell'anno)che dire, gli autisti indisciplinati di tutta italia sono in ferie a san vincenzo nel mese di giugno? prevenzione?? repressione???o cassa????

PASQUINO

Anonimo ha detto...

vorrei porre una questione a voi e sopratutto agli iscritti del PD visto che il dibattito è attuale cosa ne pensate del rapporto tra massoneria e politica naturalmente visto nel nostro piccolo orticello

indignato

Architetto Perplesso ha detto...

Le norme tecniche italiani vigenti, sui sovraccarichi accidentali, prescrivono che per locali o luoghi pubblici
"suscettibili di grande affollamento"
(sale riunioni, cinema, chiese, paletsre ecc.)
Sia previsto un sovraccarico accidentale minimo di
500 Kg/mq.
Nella nostra piazza, anche ammettendo che non vi possano accedere autoveicoli, è certamente possibile e (spero) previsto un possibile grande affollamento, spontaneo o in occasione di manifestazioni, comizi, riunioni di gruppi o comitive.
Se davvero la piazza non può sopportare più di 200 kq/mq, bisognerebbe mettere i tornelli di ingresso con contatore automatico di entrate ed uscite e blocco automatico delle entrate una volta raggiunto un numero prestabilito di presenze.
Inoltre sarebbe necessaria la presenza continua di personale del Comune che impedisca alla gente di addensarsi e formare pericolosi capannelli.
Forse sarà il caso che qualcuno ci faccia vedere il certificato di collaudo della struttura depositato al Genio Civile di Livorno.
Sempre ammesso che, prima di aprire al pubblico, si siano ricordati di nominare un ingegnere collaudatore e di attendere l'esito del collaudo.
Visto come a San Vincenzo si fanno (e si disfanno) le opere pubbliche, comincio ad avere i miei dubbi.

Tepuzzo ha detto...

Riporto cosa scritto oggi su Il Tirreno, in una intervista fatta al tecnico Comunale Filippi:

Il
dirigente dell’area tecnica del
Comune, Andrea Filippi, spiega
che «sono cartelli messi dalla
Sales, preoccupata perché
qualche Tir è entrato in piazza
durante le recenti manifestazioni.
Le piazze non sono “impraticabili”,
ma calcolate per
il carico di “folla compatta” come
previsto, e non certo per i
carichi stradali pesanti. Tra
l’altro, è stato sbagliato il limite
del carico, indicato in 200 kg
al mq». Al mq si poteva immaginare,
certo, ma non era neanche
specificato nei cartelli. «Il
limite reale è 500 kg al mq - prosegue
Filippi - come da certificato
di collaudo depositato al
Genio civile. I cartelli li sostituiamo
con altri più pertinenti
di “divieto di accesso ai mezzi
di trasporto di peso superiore
a 35 quintali”».
I cartelli sono stati tolti, proprio
su invito di Filippi e dell’amministrazione
comunale
«perché - dice il dirigente tecnico
- non avevano senso e hanno
prodotto un giustificato sbigottimento
fra i cittadini». Nei
giorni scorsi, effettivamente, i
cartelli hanno prodotto confusione,
tanto che pochi sono
quelli che si sono aggirati per
la piazza. Filippi vuole precisare
che «la gente ovviamente potrà
andare nella piazza, dato
che le strutture sono calcolate
per un carico di “folla compatta”
pari a 400 kg al mq, come
devono essere tutte le strutture
di pubblico accesso».
Se però la piazza sarà principalmente
utilizzata per spettacoli
e concerti, come si potranno
scaricare palchi e attrezzature?
E, soprattutto, la piazza
potrà sopportare pesi eccessivi
in caso di pubblico numeroso?
«Non ci saranno difficoltà -
sostiene Filippi - e i camioncini
comunali, uno alla volta, potranno
entrare e scaricare le
attrezzature per concerti e
spettacoli. Per ciò che concerne
il pubblico, il problema non
si pone assolutamente».

Tepuzzo ha detto...

Non mi intendo assolutamente di ingegneria civile e quant'altro, ma dall'articolo e dall'intervento su questo Blog di Architetto Perplesso pare che le cose collimino. Eventualmente sarà lui stesso a ribattere, credo e spero.

Mi viene in mente solo una cosa.
Questa piazza doveva essere un luogo per i futuri eventi, tra i quali i concerti. E ora non capisco: i TIR che dovessero venire per montare palchi (più grandi ovviamente di quello che c'è ora) o attrezzatura varia, dovrebbero parcheggiare da qualche parte e il furgoncino del comune dovrebbe fare la spola tra il TIR e la Piazza?
Bellissima cosa, se così sarà....
E poi, ma quei davvero potrei sbagliare, molti di queste attrezzature non sono talmente ingombranti che solo un TIR può portarle a destinazione?

Ringrazio chiunque voglia rispondere.

Saluti

Anonimo ha detto...

Però..........bello! Ho visto ora il depliant della notte bianca. Nessun evento è previsto sulle due piazze......reggono, non reggono, questo è il problema.....

Anonimo ha detto...

mi domando quando ci decideremo ad andare in Comune e prendere a calci nel culo questi 4 deficienti..imbecilli..incompetenti...che stanno devaSTANDO SAN VINCENZO....e' ora di finirla...non ne fanno una diritta..ma e' possibile essere governati da questa gentaglia!!....li manderei nei campi a cogliere gli spinaci...e' l'unica cosa che forse sarebbero in grado di fare senza far danni....A CASAAAAAA

Anonimo ha detto...

Qualche utile considerazione...

http://pagni.blogautore.repubblica.it/2010/07/25/la-crisi-colpisce-anche-i-porti-turistici-ma-siamo-sicuri-che-sia-un-male/?ref=HROBA-1

Gio

Anonimo ha detto...

la piazza a nord del porto e' piena di pericoli e trappole varie....ringhiere che cascano...gradini rotti....grate di ferro sul pavimento che si muovono e traballano.....che disastro!!!

Nuove piazze inagibili ha detto...

Completo il post sul porto riportando nel titolo di questo commento il link delle Foto delle singole opere difettose e le normative violate, che rendono l'opera INAGIBILE ed impossibile da aprire al pubblico.
Almeno secondo le leggi vigenti, che evidentemente a San Vincenzo contano poco.
Architetto Perplesso

Anonimo ha detto...

ma..dopo l'estate non dovevano riprendere i lavori per completare le piazze?....e la "passeggiata" che porta al marinaio non deve essere illuminata?...sono andato l'altro giorno...aveva appena piovuto...e' piena di buche..scandalosa...inagibile...e la chiamano passeggiata?...che schifo!!